La Stamperia

La stamperia nasce in Fabbrica del Talento, presso la struttura dei Martinitt. 2002

L' arte, nelle sue varie manifestazioni, costituisce un'area di esperienza creativo/culturale di enorme importanza sia per la società che per il singolo individuo. Si tratta di un'area inter­media tra la realtà soggettiva di ciascuno e la realtà oggettiva che ci circonda; area interme­dia che consente di dare significato alla vita e di stabilire un rapporto creativo con la realtà esterna. Ciascun essere umano è infatti costantemente impegnato nello sforzo di collegare la propria realtà interna con quella esterna.

Tale sforzo è alleviato dalla possibilità di usufruire di un'area intermedia di esperienza: l'area ludica del bambino che "si perde" nel gioco e, suc­cessivamente, la cultura e l'arte. Come nella primissima infanzia la costituzione di questa area di esperienza è resa possibile da un ambiente esterno "sufficientemente buono" che offre al bambino ciò di cui lui ha bisogno per poter costruire con la realtà esterna un rappor­to creativo, cioè personale e non di puro adeguamento, così anche successivamente ciò che l'ambiente offre ha un'importanza fondamentale affinché ciascuno possa mantenere e rin­vigorire un approccio creativo alla vita, dove creativo significa di nuovo la possibilità, pur rispettando le esigenze degli altri e della realtà esterna, di vivere in modo personale, cosa che comporta il sentimento che la vita è reale e che ha un senso. Diversamente la vita non ha senso, l'individuo vive e basta, senza avere accesso a un significato e a una dimensione personale dell'esperienza e della conoscenza.

La stamperia

Questa è la filosofia di fondo dell’'Associazione Roberto Boccafogli, aperta al pubblico il 26 settembre 1996: è stata costituita con lo scopo di promuovere, favorire e sostenere l'educazione, l'istruzione e la formazione nel campo della cultura e dell'arte, di diffondere la cultura artistica nell'ambito sociale, creare collegamenti tra culture differenziate e sviluppare i rapporti tra differenti disci­pline artistiche ma soprattutto incoraggiare l'uso della creatività come strumento educativo/formativo. L'Associazione non ha fini di lucro.

In linea con la filosofia di fondo, l'Associazione organizza cicli di incontri nel corso dei quali i ragazzi fanno esperienze creative, guidate da professionisti che ricoprono un ruolo significativo nei vari settori artistici e che contribuiscono a avvicinare i gio­vani al mondo del lavoro.

In particolare, nel corso degli anni, sono stati attivati i seguenti percorsi espressivo/comunicativi: teatro, musica, grafica pubblicitaria, fotografia e comunicazione, incisione.

Le iniziative attuate hanno confermato, con forza, che i giovani hanno molte potenzialità e che sono alla ricerca di avvenimenti, di stimoli concreti, non di troppe parole. Per loro la pos­sibilità di pensare passa attraverso il fare, purché sia un fare costruttivo. È stata anche chiaramente confermata l'ipotesi che le proposte rivolte ai giovani, per essere veramente significative, devono essere risultato di costante interazione tra riflessione e attività "sul campo", all'interno di un progetto in continua evoluzione. È quindi indispensabile porsi in un'ottica interdisciplinare, che accolga l'apporto di più persone con professionalità diverse ed anche la voce dei giovani.

L'Associazione si avvale del sostegno scientifico sia dell'As­sociazione Area G - La dimensione Psicologica del giovane (composta da psicologi e psichiatri a orientamento psicoa­nalitico che si occupano della prevenzione e dell'intervento sul disagio psichico giovanile), sia di artisti esperti che sono da tempo in contatto con il mondo giovanile.

Si vorrebbero suggerire percorsi laboratoriali teorico e/o pratici pertinenti ai vari linguaggi espressivi e inerenti all’attività espositiva dell’Ente, privilegiando tuttavia la calcografia. E’ possibile condurre attività sia in Permanente che presso le scuole di ogni ordine e grado o, data la difficoltà, per alcuni percorsi, di reperire spazi laboratoriali adeguati all’interno della struttura della Permanente l’Associazione metterebbe a disposizione la Stamperia della Fabbrica del Talento di via Pitteri 56, Milano.

Considerata la grande esperienza condotta nell’ambito della calcografia con ogni ordine di scuola, con insegnanti, adulti, artisti e il mondo del disagio, si ritiene significativo considerare tale linguaggio quale punto di partenza per iniziare un’attività didattica in Permanente.

L'attività calcografica

Inchiostrazione

L'attività calcografica di incisione e stampa delle matrici si svolge articolandosi secondo tempi e metodi adeguati alle esigenze di ogni gruppo/classe: dopo una accurata presenta­zione del linguaggio specifico e degli esempi più opportuni ai fini di una corretta comprensione, si passa alla sperimen­tazione della tecnica di stampa al torchio calcografico.

Al termine di ogni attività fa seguito un momento di verifica e valutazione del lavoro dal punto di vista didattico, conte­nutistico, metodologico.

Fondamentale in tutto il percorso di lavoro è l'affiancamento di esperti con lo scopo di garantire il progressivo raggiun­gimento dell'autonomia e della responsabilità di ciascuno in ogni fase di lavoro: diviene determinante la realizzazione di stampe "adeguate", dal positivo risultato tecnico, e di un soddisfacente livello di gratificazione e coinvolgimento emotivo da parte di ragazzi ed insegnanti.

Percorsi per adulti e docenti

Pulizia della matrice

Il fine principale del percorso è il compimento di un'espe­rienza di lavoro teorico-pratica, animata da costanti punti di intersezione e comunicazione fra i partecipanti e alimentata da un continuo confronto e approfondimento di obiettivi, tecniche e linguaggi. Aspetti questi intesi non solo come traguar­di estetici, ma come mezzi per comunicare.

La metodologia intende sollecitare un ruolo attivo e pro­muovere stimoli critici, favorendo la necessità di intra­prendere percorsi alternativi e stabilire nuove relazioni. Partendo dall'esperienza pratica vissuta nel laboratorio di incisione e da una riflessione sul valore socializzante delle attività espressive, si vuole fissare l'attenzione sull'espressi­vità come occasione di rielaborazione e di crescita.

Eugenia Pelanda Boccafogli, psicoterapeuta, presidente dell'Associazione Roberto Boccafogli e dell'Asso­ciazione Area G, direttore scientifico di Area G - scuola di psicoterapia a orientamento psicoanalitico per adolescenti e adulti riconosciuto dal Ministero dell'Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica, certificata dal sistema UNI EN ISO 9001: 2000.

Daniela Bellini Lucini, vicepresidente dell'Associazione Roberto Boccafogli, socio Associazione Area G, con­sulente senior presso una società leader in Italia nella con­sulenza direzionale e organizzativa, esperta di selezione, formazione e sviluppo manageriale.

Sara Montani, artista, direttore artistico dell'Associazione. Dal 1971 espone in mostre personali e rassegne, in Italia e all'estero, affiancando anche l'attività di curatela di manifestazioni socio-culturali. Coordina e tiene laboratori didattici nelle scuole e per il Progetto "La dimensione creativa" presso la Fondazione Carcano di Mandello del Lario (Lecco). È docente di incisione nei Corsi Liberi di N.A.B.A. (Nuova Accademia di Belle Arti )di Milano.

Enzo Migneco Togo, artista, si è dedicato alla pittura fino dal 1957, ha esposto in circa cinquanta mostre personali ed ha partecipato a rassegne e biennali, sia per la pittura che per la grafica, in Italia e all'estero. E' stato titolare della Cat­tedra di Incisione presso l'Accademia Aldo Galli di Como dal 1999 al 2004.

Il gruppo Artisti Incisori (Giuseppe Buffoli, Claudia Canavesi, Camilla Cazzaniga, Marta Ceruti,  Antonella Di Donna, Anna Fazio, Nadia Galbiati, Linda Grittini, Daniele Gulizia DVA, Susan Ronchiato, Elisa Varini, Carla Zaffaroni e seppur con formazione variabi­le oggi aperto a nuovi inserimenti Marisa Ferrini, Mirella Gerosa, Martin Keble, Valeria Rossi, Giovanna Storti, Sabrina Travaglini), è attivo a Milano a par­tire dal 2000 relazionandosi con Atelier Quattordici - Grafica Upiglio 22250 e alla Tipografia Rodolfo Campi. Si costituisce ufficialmente nel maggio 2003. A dar vita all'incontro e alle attività dei giovani componenti c'è Sara Montani, artista at­tenta da sempre alla tematica della formazione giovanile. A lei dal 2002/2003 si affianca la figura di Togo (Enzo Migneco).

Gli aderenti al progetto hanno seguito diversi percorsi espressivi promossi e curati dall'Associazione Roberto Boc­cafogli giungendo ad acquisire ed affinare nozioni e tecniche nel campo della stampa calcografica e tipografica. Senza prescindere dall'identità di singolo artista che per­segue la propria ricerca, il gruppo sperimenta le tecniche incisorie nel progettare e realizzare interventi in ambito didattico.

Dal 2003/4 il gruppo Incisori opera in scuole e istituzioni e, dal maggio 2004, cura il laboratorio La Stamperia La Fab­brica del Talento - via Pitteri 56, Milano - Centro di attività espressive e socializ­zanti promosso dall'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

Dal marzo 2010 la Stamperia si sposta nei locali della scuola primaria di via Brunacci, plesso Thouar - Gonzaga, a Milano. A tutt'oggi i laboratori didattici sono aperti agli alunni della scuola e del territorio. La stamperia è attiva anche per gli adulti, artisti e appassionati d'arte con percorsi diversificati di formazione e avvicinamento alla calcografia e alla stampa.

3.JPG

Per ulteriori informazioni e aggiornamenti: stamperiaboccafogli.blogspot.it